Stampa questa pagina
Giovedì, 07 Gennaio 2016 12:08

Avezzano, Daniela Stati in giunta al posto di Presutti. Ma Partecipazione popolare lascia la maggioranza

di 

Il rimpastone di inizio anno è servito al Comune di Avezzano.  

Mentre i consiglieri di Partecipazione popolare (Alessandro Barbonetti, Alberto Lamorgese e Vincenzo Gallese) annunciano, con toni durissimi, l'uscita dalla maggioranza dopo la cacciata dell'ex assessore Crescenzo Presutti, diventa ufficiale l'ingresso in giunta di Daniela Stati, ex assessore regionale alla Protezione civile, proprio al posto di Presutti.

Alla Stati andranno le deleghe alla viabilità, ai trasporti, all’arredo urbano, alla protezione civile, rapporti con enti pubblici, fiere e pubbliche affissioni.

“Con l’ingresso della Stati” dichiara al Centro il sindaco Gianni Di Pangrazio “entra una donna che ha un forte desiderio di rivalsa e di dimostrare alla città, impegno e dedizione”.  

“Il sindaco mi ha affidato delle deleghe importanti e per questo inizieremo a lavorare fin da subito”, commenta invece la neo assessora, che, nel 2012, si era candidata con una lista a supporto di Di Pangrazio. “Le sfide piacciono sia a me, sia a Di Pangrazio e speriamo di portare a termine quanto prima il programma elettorale che abbiamo sottoscritto nel 2012”.

La nomina della Stati - figlia di Ezio, storico esponente della Dc marsicana - è andata di traverso al gruppo di Partecipazione popolare ma è stata mal digerita anche dall'Udc, che aveva chiesto un assessorato e che ora potrebbe passare all'opposizione. Se così fosse, Di Pangrazio si ritroverebbe, in consiglio, con una maggioranza davvero risicata.

Ma quella del sindaco potrebbe essere anche una lucida strategia in vista delle elezioni del 2017. La Stati, infatti, è il secondo assessore scelto da Di Pangrazio da liste o partiti non proprio organici alla maggioranza di centrosinistra. L'altro è Antonio Di Fabio, ex esponente dell'opposizione, nominato, un mese fa, assessore ai lavori pubblici, alla pianificazione del territorio e ai progetti strategici.

Durissimo il commento del gruppo di Partecipazione popolare: “La politica becera di Di Pangrazio non ci piace, lasciamo la maggioranza” dichiarano al Centro Barbonetti, Lamorgese e Gallese. “Intendiamo esprimere tutta la solidarietà a Presutti ringraziandolo del lavoro svolto per il bene della città, per quanto ci riguarda è giunto il momento della resa dei conti con il sindaco Di Pangrazio, vero Belzebù della politica, al quale ribadiamo con forza che la nostra idea di città è ben altra rispetto allo scempio che lui sta perpetrando ormai da tempo nei confronti della nostra amata città. Riteniamo che solo attraverso una dura opposizione si possano creare le condizioni per essere alternativi alla becera politica praticata da Di Pangrazio. Facciamo appello a tutti coloro che vogliono il bene della nostra città a convergere sulle nostre posizioni”.

Articoli correlati (da tag)