Stampa questa pagina
Giovedì, 09 Giugno 2016 12:49

L'Aquila, l'orto botanico di Collemaggio sarà gestito dal Corpo Forestale

di 

L'orto botanico di Collemaggio all'Aquila "cambia gestione", passando al Corpo forestale dello Stato.

L'amministrazione provinciale dell'Aquila ha sottoscritto una convenzione con l'Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato per la gestione dell'orto botanico di Collemaggio e del Giardino della transumanza.

A seguito dell'intesa, della durata di un anno, il Corpo Forestale darà continuità alle attività intraprese dalla Provincia per la salvaguardia della struttura, caratterizzata da un patrimonio vegetale di altissimo valore biologico, culturale e scientifico.

Nello specifico, oltre alla manutenzione e alla gestione ordinaria, l'Ufficio territoriale per la biodiversità, con proprie risorse umane e strumentali, si occuperà della tutela, coltivazione e conservazione della flora autoctona, delle specie protette, rare ed in via di estinzione, e promuoverà attività didattiche e di educazione ambientale attraverso visite guidate, corsi, stages, anche nell'ambito dei relativi programmi nazionali del Corpo Forestale dello Stato.

"Siamo particolarmente soddisfatti della sottoscrizione di questo accordo – dichiara il presidente della Provincia dell'Aquila Antonio De Crescentiis – che ci permetterà di continuare a salvaguardare e valorizzare questa importantissima area a ridosso dell'abbazia di Collemaggio, riconosciuta dalla Regione Abruzzo quale 'orto Botanico di interesse regionale'. Inoltre il Giardino della transumanza rappresenta uno straordinario percorso naturalistico e ricreativo che merita una particolare valorizzazione poiché costituisce una delle poche aree verdi presenti nel cuore della città, disponibili per incontri e manifestazioni".

All'interno dell'orto Botanico sono state svolte diverse attività per la salvaguardia della biodiversità, come le collezioni di campioni d'erbario quale metodo comparativo per lo studio delle diverse specie botaniche, e la coltivazione di 645 specie, sottospecie e varietà di cui 165 aliene e 480 autoctone. 

Ultima modifica il Giovedì, 09 Giugno 2016 13:02

Articoli correlati (da tag)