Stampa questa pagina
Sabato, 30 Novembre 2013 15:07

Primarie Pd, presentata la lista pro Cuperlo. Sarà a L'Aquila il 3 dicembre

di 

Vogliono a tutti i costi staccare da Cuperlo l'etichetta del candidato più vicino al vecchio apparato, alla nomenclatura. Rimarcano più volte il fatto che l'ulitmo segretario della fu Figc sia il candidato che, nel voto dei circoli, ha ottenuto più consensi tra i giovani iscritti. Rivendicano, infine, una composizione delle liste decisa a livello territoriale e non orchestrata o imposta da qualche centro di potere.

Si sono presentati così i quattro candidati della lista della provincia dell'Aquila che appoggia la mozione congressuale di Gianni Cuperlo. Sono Stefano Albano, segretario cittadino del Pd aquilano; Giulia Lorenzo, dirigente dei giovani democratici proveniente da Avezzano; Stefano Mikulak, del circolo di Castel di Sangro; e Carla D’Amore, di Campo di Giove.

Quattro giovani under 35 che militano da tempo nel partito e che non hanno mai ricoperto, finora, incarichi amministrativi, nemmeno come consiglieri.

"La composizione della lista" ha detto il coordinatore della mozione Cuperlo all’Aquila, Roberto Moretti "dimostra la natura strumentale di alcune dichiarazioni secondo le quali la mozione Cuperlo è una mozione d'apparato, di rappresentazione del vecchio. Per quantgo riguarda la provincia dell'Aquila è vero il contrario: questa mozione ha visto la partecipazione di molti giovani. Non è un caso che, sia a livello locale che nazionale, Cuperlo sia stato il candidato più votato dai giovani democratici. La sua visione di partito si basa sul concetto di comunità politica, il suo è un pèartito che vede la partecipazione di tutti gli iscritti e che dà a tutti la stesa possibilità di espressione. Non un partito per pochi o per pochi eletti.
Il capolista, sempre a livello provinciale, sarà Stefano Albano: "Il dato positivo di questo congresso" ha detto l'attuale segretario del Pd aquilano "è dato dal fatto che i tre candidati in campo rappresentano una nuova generazaione dirigente che sta emergendo e sappiamo bene quanto ci sia bisogno di un rinnovamento della classe dirigente all'interno del Pd".

"Abbiamo scelto Gianni Cuperlo" ha proseguito Albano "perché pensiamo che ci sia bisogno di mettere in campo un'autocritica rispetto a quanto è accaduto negli ultimi anni. E' troppo facile fare i salvatori dell'ultimo momento. Cuperlo vuole farsi carico anche dei momenti più complessi della storia di questi ultimi 20 anni della sinistra, una storia costellata da molti errori e da molte sconfitte. Quando dice che un partito non può essere solo un programma elettorale ma prima di tutto una comunità politica vuole affermare che un partito è anzitutto un insieme di persone che hanno una storia. Prima di parlare agli elettori di centrodestra, Cuperlo vuole parlare ai nostri elettori, soprattutto a quelli che non vanno più a votare. Se smettessimo di inseguire i moderati e cominciassimo a riportare a votare la nostra gente, forse saremmo in grado di vincere".

Durante la conferenza stampa Albano ha accennato alla necessità di ricompattare una provincia, quella aquilana, afflitta da un'eccessiva frammentazione dovuta a odi di campanile: "La nostra provincia" ha affermato Albano "è lacerata da tanti campanilismi e da contrapposizoini. C'è un centro destra che agisce in base al principio del "divide et impera" e la fa da padrone a tutti i livelli. Lo abbiamo visto in più occasioni, soprattutto nelle ultime competizioni elettorali, a vari livelli: esponenti del centro destra provinciale sono andati a Sulmona a contrapporre i cittadini della Valle Peligna a quelli aquilani su chi avesse il diritto di stare nel Cratere. Con questa politica del "divide et impera" questo territorio sta andando incontro al declino. Noi abbiamo bisogno di ricompattarlo e di restituirgli una visione di insieme".

Poi, ancora sul rinnovamento: "Il rinnovamente non si fa con le chiacchiere ma con i fatti, guardando ad esempio a come si compongono le liste. Per Cuperlo c'è stata la volontà di promuovere i giovani quadri dirigenti già presenti sul territorio. il rinnovamente npon si fa inventano i giovani dalla mattina alla sera, pescandoli da dove non c'ernao e buttandoli nella mkishica.

Cuperlo sarà all'Aquila il 3 dicembre per una conferenza stampa che si terrà alle 11 al Palazzetto dei Nobili: "Il territorio deve avere uno scatto di coraggio. Cuperlo verrà martedì all'Aquila 3 dicembre. La mattina sarà in città e chiuderà la sua visita con una cena all'hotel dei Marsi a Avezzano. Come Pd aquilano stiamo portando avanti una battaglia e abbiamo richiamato all'unità tutta la città. Si sta purtroppo preannunciando una situazione per la quale con i fondi che stanno mettendo a disposizione nel 2014 la ricostruzione si bloccherà. Abbiamo voluto chiamare tutti i candidati alle primarie a dire la loro, a non venire all'Aquila a fare la passerella e a discutere solo di temi nazionali. Tra questi ultimi deve esserci anche la ricostruzione dell'Aquila. Cuperlo verrà perché un aspetto importante della sua mozione è il recupero dei beni culturali, il loro utilizzo come potenzialità di sviluppo e accrescimento economico. Altro punto cardine della mozione è la messa in sicurezza del territorio. Cuperlo vuoe fare dell'Aquila e della ricostruzione il simbolo nazionale di questa grande partita".

Alla conferenza stampa di presentazione della lista hanno partecipato, oltre ai quattro candidati, anche il consigliere regionale del Pd Giovanni D'Amico e l'assessore del comune delol'Aquila Emanuela Di Giovambattista

 

Ultima modifica il Domenica, 01 Dicembre 2013 11:05

Articoli correlati (da tag)