Stampa questa pagina
Sabato, 02 Febbraio 2019 19:38

Verso le regionali, il governo si spacca in Abruzzo. Di Battista: "Se la Lega vuole il Tav, torni da Berlusconi". Salvini: "Serve agli italiani"

di 

Ultimo fine settimana di campagna elettorale in Abruzzo, che racconta di una violenta spaccatura in seno al così detto 'governo del cambiamento'. 

Da Chieti, Alessandro Di Battista - in tour col vice premier Luigi Di Maio a sostegno della candidatura alla presidenza di Sara Marcozzi - ha lanciato un messaggio chiarissimo: "Se la Lega intende fare la Tav, c'è Silvio Berlusconi: tornassero dal Cavaliere e nemici come prima. Siamo favorevolissimi alle infrastrutture giuste per i cittadini e per i pendolari", ha aggunto Di Battista, "come un collegamento veloce tra Pescara e Roma. Ma se la Lega intende andare avanti su un buco inutile che costa 20 miliardi di euro e non serve ai cittadini, tornasse da Berlusconi e non rompesse i co...ni. È chiaro?".

Qualche ora prima, dalla stazione di Pescara, Di Battista aveva voluto "smentire "la scemenza totale che sentirete nei prossimi mesi, del M5s contro le infrastrutture: noi siamo per le opere che servono ai cittadini, ai pendolari. Dato che si parla di buchi ridicoli, Tav e altre stronzate del genere, andiamo a chiedere qui in biglietteria a Pescara per andare a Roma come si può fare". Dunque, Di Maio e Di Battista si sono presentati con Sara Marcozzi in biglietteria: "Quindi ora non ci sono treni diretti Pescara-Roma...", ha sottolineato la candidata ascoltando l'addetto. E ha aggiunto: "Ecco perché diciamo che manca una rete di infrastrutture nella nostra regione e che il Tav non è così urgente: servirebbero altre opere in Abruzzo". 

"Questo è l'impegno che prendiamo con gli italiani", le parole del vice premier Luigi Di Maio: "sulla Roma-Pescara, la Asti-Cuneo, la Catania-Palermo. Dobbiamo fare queste opere e farle più velocemente di quanto fatto finora. I cantieri aperti vanno velocizzati e quelli da aprire devono andare velocissimi". E sul Tav, Di Maio ha ribadito ciò che aveva già assicurato in diretta facebook da Penne, in mattinata: "finché ci sarà il Movimento 5 Stelle al governo, la Torino-Lione non ha storia, non ha futuro".

Più chiaro di così. 

Gelida la replica di Matteo Salvini, a Giulianova in comizio elettorale con la maglietta della locale squadra di calcio: "La Tav non serve a Salvini. Se si viaggia più veloce, serve agli Italiani"; e poi, "finire i lavori costa meno che riempire i buchi fatti" ha aggiunto il leader della Lega.

Non si è trattato dell'unico motivo di polemica; Di Maio, infatti, ha lanciato un'altra stoccata a Salvini: "in questa Regione ha scelto Silvio Berlusconi e il Pd è vivo e vegeto con Giovanni Legnini, riproponendo la stessa ricetta di D'Alfonso. Per questo, se l'Abruzzo vuole il cambiamento deve ricominciare da chi non l'ha mai governato, e c'è una sola forza politica che non ha mai governato l'Abruzzo: il Movimento 5 Stelle. Se gli abruzzesi vogliono cambiare il corso della storia di questa regione, della sanità, dei trasporti, del taglio agli sprechi, del welfare, votino Sara Marcozzi e non li deluderemo. Avrà tutto il sostegno del Governo nazionale". Sì, ma quale?

 

Articoli correlati (da tag)