Stampa questa pagina
Venerdì, 27 Marzo 2020 19:27

Mattarella: "Viviamo una pagina triste della storia. L'Europa intervenga prima che sia troppo tardi"

di 

"Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia, abbiamo visto immagini che sarà impossibile dimenticare. Alcuni territori e la generazione più anziana stanno pagando un prezzo altissimo".

E' un passaggio del messaggio che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha indirizzato alla nazione.

Mattarella si è rivolto ai cittadini nella "difficile emergenza per condividere alcune riflessioni. Un pensiero va alle persone che hanno perso la vita in questa epidemia e ai loro familiari. Il dolore del distacco è stato ingigantito dalla sofferenza non poter essere vicini. Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia, abbiamo visto immagini che sarà impossibile dimenticare. Alcuni territorio e la generazione più anziana stanno pagando un prezzo altissimo".

"L'Europa" ha aggiunto il Capo dello Stato "deve intervenire concretamente. Prima che sia troppo tardi. Ci si attende che questo avvenga concretamente nei prossimi giorni. Molti Capi di Stato, d’Europa e non soltanto, hanno espresso la loro vicinanza all’Italia. Da diversi dei loro Stati sono giunti sostegni concreti. Tutti mi hanno detto che i loro Paesi hanno preso decisioni seguendo le scelte fatte in Italia in questa emergenza. Nell’Unione Europea la Banca Centrale e la Commissione, nei giorni scorsi, hanno assunto importanti e positive decisioni finanziarie ed economiche, sostenute dal Parlamento Europeo. Non lo ha ancora fatto il Consiglio dei capi dei governi nazionali. Ci si attende che questo avvenga concretamente nei prossimi giorni. Sono indispensabili ulteriori iniziative comuni, superando vecchi schemi ormai fuori dalla realtà delle drammatiche condizioni in cui si trova il nostro Continente. Mi auguro che tutti comprendano appieno, prima che sia troppo tardi, la gravità della minaccia per l’Europa. La solidarietà non è soltanto richiesta dai valori dell’Unione ma è anche nel comune interesse".

Articoli correlati (da tag)