Mercoledì, 08 Aprile 2020 19:16

Fratelli d'Italia difende Liris: "Pd continua a mentire, fieri del suo operato"

di 
Ersilia Lancia Ersilia Lancia

"Avere davanti il PD che sulla base di falsità costruisce gogne mediatiche per nascondere gli insuccessi, permette di vedere fino a che punto i suoi esponenti sono disposti a continuare la loro sceneggiata, che non rivela altro se non faziosità e bassezza morale. Con sullo sfondo l'emergenza coronavirus, aver coinvolto testate nazionali del loro giro oltre la pagina del Partito Democratico, non conferisce alle loro balle basi più solide, anzi fa capire quanto si tratti di una tattica politica spregiudicata a danno della credibilità delle nostre istituzioni, solo perché a guida centrodestra".

Ad affermarlo, in una nota congiunta, sono gli esponenti di Fratelli d'Italia Michele Malafoglia (portavoce FDI L'Aquila), Margherita Paoletti (portavoce Gioventù Nazionale L'Aquila) e i consiglieri comunali Ersilia Lancia, Vito Colonna, Ferdinando Colantoni, Giancarlo Della Pelle, Leonardo Scimia, Tiziana Del Beato (Consiglieri comunali FDI L'Aquila).

"Quello che ci preme sottolineare e garantire all'opinione pubblica è l'ottimo operato di Guido Quintino Liris, assessore regionale eletto con Fratelli d'Italia, e per questo vogliamo sottolineare in maniera chiara ed esaustiva i seguenti passaggi sulla vicenda in questione":

1) "La reintegra nella Asl non prevede alcun salto di ruolo, tantomeno un aumento di stipendio. Liris è un dirigente medico specializzato in igiene, epidemiologia e sanità pubblica ed è un dipendente dell'azienda. Sono anni che è lì perché vincitore di concorso".

2) "E' possibile svolgere un doppio ruolo nelle pubbliche amministrazioni (come è successo spesso con alti esponenti ed ex esponenti del loro partito) quando non siano in conflitto, mentre non è possibile cumulare gli stipendi, ragione per cui un rientro nella Asl avrebbe comportato una reintegra del 30% dello stipendio da medico di Liris e contestualmente la percezione del suo stipendio da assessore al 70%. Non serve una laurea in matematica per capire che questo avrebbe comportato un guadagno netto inferiore rispetto al 100% dello stipendio da assessore. Possiamo affermare che Liris avrebbe guadagnato molto meno".

3) "La Asl ha ritenuto utile e legittima la posizione di Liris, altrimenti non avrebbe concesso alcun tipo di provvedimento".

4) "La sospensione del provvedimento c'è stata non perché la ASL l'ha ritenuto illegittimo (l'ente stesso l'ha deliberato in precedenza, sarebbe una contraddizione altrimenti) ma perché l'assessore Liris ha dichiarato in una nota che non voleva vincolare le avvocature e il personale, tanto della ASL quanto della Regione, ad un confronto di cui non c'è bisogno perché devono dedicarsi ad altro in questo momento".

5) "Liris è stato uno degli assessori più presenti nell'ultimo mese e mezzo negli uffici di sua competenza, portando avanti tutte le attività inerenti alle sue deleghe, senza far mancare mai il minimo apporto alle esigenze ordinarie e straordinarie. Invitiamo gli esponenti del PD a interrogare il registro della guardiania della Giunta regionale se hanno qualche dubbio".

"Infine ci preme evidenziare quanto il ruolo di Liris sia ben più ampio: dall'emergenza è in prima linea nel dare una mano all'ospedale, e grazie anche alla sua professione di dirigente medico igienista del lavoro è stato coprotagonista di scelte importanti e strategiche. È sotto gli occhi di tutti l'impegno economico della Regione Abruzzo a beneficio dell'emergenza sanitaria, e quanto queste scelte siano state apprezzate da tutta la componente medica e da tutti gli operatori del settore che, più di chiunque altro, conoscono le reali esigenze della sanità. Evidentemente, lavorare concretamente dà fastidio a quelli del PD, che storicamente ha l'obiettivo di infangare i simboli positivi, ma questa volta gli andrà male".

Lollobrigida: "Attacchi strumentali"

“Sono del tutto fuori luogo e strumentali le accuse che diversi esponenti del M5S e del Pd stanno rivolgendo all’assessore della Regione Abruzzo Guido Liris, che è anche medico epidemiologo, in merito alla sua decisione di tornare alla medicina per occuparsi dell’emergenza coronavirus. In particolare taluni attacchi sfiorano il grottesco: alcuni riguardano ipotizzate incompatibilità tra ruolo di medico e ruolo di assessore, altri una presunta sovrapposizione di incarico e stipendi o la presunta inconciliabilità in termini di tempo delle attività di medico e assessore. Tutte accuse smontate pezzo pezzo dallo stesso Liris, e facilmente documentabili controllando la produzione degli atti e la sua presenza, anche fisica, presso la Regione Abruzzo, il quale ha fugato ogni dubbio ribadendo per l’ennesima volta la completa gratuità delle sue prestazioni professionali nell’ambito dell’incarico presso la Asl dell’Aquila. Ribadiamo quindi il sostegno a Liris e ricordiamo ancora una volta a Pd e M5S che al di là del colore politico, quando qualcuno compie un gesto nobile come quello di Liris nei confronti dei cittadini del suo territorio in piena emergenza coronavirus, o si applaude oppure, se proprio non ci si riesce, si sceglie la strada di un più composto silenzio”.

Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida.

Articoli correlati (da tag)

Chiudi