Stampa questa pagina
Lunedì, 13 Luglio 2020 18:31

“Il Sirente Velino diventi parco nazionale”: Piacente (Pd) a confronto con Nicoletti (Legambiente)

di 

“Se è vero che le aree interne sono oggetto di spopolamento e marginalità, è altrettanto vero che il loro rilancio passa anche attraverso una maggiore tutela e valorizzazione dell’ambiente, degli spazi verdi, del turismo green e di una maggiore oculatezza nella gestione e nello sviluppo delle eccellenze paesaggistiche”.

Ad affermarlo con decisione e convinzione è Francesco Piacente, segretario del Partito Democratico per la provincia dell’Aquila, nel corso del consueto appuntamento politico con Sognare la Terra, format da lui ideato e portato avanti con successo sulla propria pagina Facebook.

Puntare sull’ambiente e sulla natura, quindi, per ridare slancio e vigore ad una zona dell’Abruzzo che negli ultimi anni ha presentato, e continua a presentare, numerose criticità legate allo spopolamento e all’assenza di politiche di prospettiva capaci di garantire al territorio un presente un futuro più roseo e, perché no, maggiormente ottimistico.

Tra le proposte di Piacente per rilanciare il territorio, vi è anche quella sulla salvaguardia naturalistica: e sul tavolo, è stata messa la proposta di trasformare il Parco regionale Sirente Velino, al centro di una proposta di riperimetrazione, in un Parco nazionale.

Ospite dell’appuntamento è stato Antonio Nicoletti, responsabile nazionale aree protette e biodiversità di Legambiente. “Dopo l’emergenza covid continuiamo a interrogarci sul perché alcune zone sono state colpite più di altre. E’ importante sottolineare che una buona salvaguardia dell’ecosostenibilità serve anche a prevenire episodi di questo genere” ha dichiarato Nicoletti che ha proseguito poi soffermandosi su alcune criticità, fra cui quella legata alla gestione dei cinghiali: “Non è possibile che con questa storia si taglino migliaia di ettari di parco. La Regione sta sbagliando tutto. E’ ora di bloccare queste politiche”.

Articoli correlati (da tag)