Stampa questa pagina
Lunedì, 12 Luglio 2021 22:45

Politiche per il centro storico, maggioranza in subbuglio: Biondi cerca la mediazione con la Lega

di 

Sulle politiche per il centro storico, il clima politico si sta facendo incandescente.

La protesta di commercianti, residenti e professionisti avverso la delibera che ha istituito la pedonalizzazione, dalle 19 alle 24 dal lunedì al venerdì e dalle 11 del sabato fino alle 24 della domenica, in un'area che si estende dall'inizio di corso Federico II a piazza Duomo, abbracciando anche via Indipendenza, piazza S. Biagio, piazza S. Marco e via Simeonibus, sta creando delle profonde spaccature in seno alla maggioranza.

E ieri, a margine del Consiglio comunale sciolto per mancanza del numero legale [qui, l'approfondimento], si è tenuta una riunione serrata alla presenza del sindaco Pierluigi Biondi, del vice sindaco con delega al commercio Raffaele Daniele, dell’assessora alla viabilità Carla Mannetti e dei consiglieri Francesco De Santis e Luciano Bontempo della Lega.

Il motivo è presto detto: Biondi sta cercando una mediazione con il Carroccio, per evitare che si formi un asse tra Lega e Forza Italia che metterebbe a rischio la tenuta dell’esecutivo comunale.

Ieri mattina, in effetti, in Consiglio comunale era atteso un ordine del giorno fuori sacco concordato tra forzisti e leghisti con la regia del capogruppo azzurro Giorgio De Matteis, teso a rivedere il provvedimento assunto dalla Giunta; d’altra parte, nel corso della seduta straordinaria dell’assise civica dedicata al centro storico, il primo cittadino, così come ha fatto l’assessora Carla Mannetti con una nota diffusa domenica sera, aveva ribadito la volontà di tirare dritto sulla pedonalizzazione: “se volete modificare la delibera – il senso delle parole di Biondi – fatelo in Consiglio”.

Un modo per incastrare le forze di maggioranza alle proprie responsabilità.

De Matteis aveva predisposto un ordine del giorno che andava proprio in questa direzione, da presentare ieri fuori sacco, concordato con un certo numero di commercianti del centro storico, su cui aveva trovato la convergenza della Lega. Tuttavia, il Carroccio si è fatto improvvisamente indietro e, per questo, il gruppo consiliare di Forza Italia ha deciso di non partecipare ai lavori, contribuendo allo scioglimento dell’assise per mancanza del numero legale.

Scampato il pericolo – c’era il rischio concreto che il provvedimento fosse approvato, sconfessando le scelte della Giunta comunale – Biondi ha convocato la Lega tentando, appunto, una mediazione che metta all’angolo Forza Italia.

Staremo a vedere se un accordo si troverà.

A quanto si apprende, nei prossimi giorni dovrebbe tenersi una riunione di maggioranza.

Di certo, è la Lega che rischia di ritrovarsi schiacciata nel braccio di ferro tra Biondi e De Matteis: il Carroccio, infatti, in questi giorni si è mostrato piuttosto scettico verso il provvedimento e avrebbe preso impegni con commercianti, residenti e professionisti nel senso di una rivisitazione della delibera sulla pedonalizzazione; d’altra parte, fare fronte con Forza Italia significherebbe sfiduciare l’assessora Mannetti, vicinissima al sindaco Biondi, con conseguenze difficilmente prevedibili e col rischio, concreto, di ripercussioni a livello regionale, laddove la Lega, con 4 assessori e 10 consiglieri, è forza di maggioranza della coalizione a sostegno del governatore di Fratelli d’Italia, Marco Marsilio.

Insomma, una posizione ‘scomodissima’ che rischia di mettere in seria difficoltà la Lega, ad un anno dalle elezioni e su una questione piuttosto spinosa.

Ecco il motivo per cui è lecito attendersi che si arriverà ad una mediazione al ribasso con Biondi, che salvi la delibera con qualche aggiustamento senza che la Giunta e il Carroccio ci ‘perdano la faccia’. Con buona pace di Forza Italia.

Ultima modifica il Martedì, 13 Luglio 2021 00:39

Articoli correlati (da tag)