Stampa questa pagina
Giovedì, 20 Gennaio 2022 16:35

Transizione ecologica, le proposte di Palumbo (Pd) in materia di sostenibilità. Biondi e Taranta replicano: “Il Comune ha già aderito al progetto Ue per neutralità climatica”

di 

Partire dalle risorse ambientali del nostro territorio per adottare strategie in grado di affrontare le sfide della transizione ecologica. E’ la premessa alla base delle proposte in materia di sostenibilità formulate dal capogruppo Pd in Consiglio comunale Stefano Palumbo e presentate in conferenza stampa.

La prima riguarda la candidatura alla missione europea che promuoverà e valorizzerà 100 città europee nella trasformazione verso la neutralità climatica entro il 2030 e farà di esse, si legge nel documento, poli di sperimentazione e innovazione che servano di riferimento per tutte le altre. “La proposta - ha spiegato il consigliere dem - va di pari passo con l’altra sfida in campo, quella di città della conoscenza. Partecipare al programma europeo ci permetterebbe di investire in settori strategici per una green economy, e, allo stesso tempo, preparerebbe la macchina amministrativa ad intercettare le risorse destinate alla transizione ecologica che rappresenta uno dei pilastri del progetto Next Generation EU e costituisce una direttrice imprescindibile dello sviluppo futuro. Oltretutto - ha aggiunto Palumbo - il piano d’azione definito dalla missione europea è in linea con il contenuto di una mia mozione presentata nel 2019 ma, purtroppo, rimasta lettera morta. Non possiamo più rimandare l’impegno in ambito comunale alla diminuzione, nei prossimi anni, delle emissioni in tutte le attività di competenza, e al ricorso a pratiche virtuose”.

Altra proposta riguarda la realizzazione di un impianto per la produzione di idrogeno “green” destinato al treno che percorrerà la tratta Terni, Rieti L’Aquila, Sulmona ma anche all’alimentazione del trasporto locale ed extraurbano su gomma. “Questo non risponde alle esigenze di collegamento verso Roma - ha sottolineato Palumbo - ma se questa è la strada che si intende percorrere allora si valuti la possibilità di produrre qui all’Aquila l’idrogeno, sviluppando, in sinergia con l’università, tecnologie e competenze che favoriscano l’acquisizione di un vantaggio competitivo”.

Infine c’è la promozione delle comunità energetiche, una misura che oltre a dare impulso a un modello di sviluppo sostenibile, può fronteggiare efficacemente il caro bollette. “Il prezzo dell’energia è diventato insostenibile per tante aziende anche nel nostro territorio e il caro bolletta avrà effetti significativi su tante famiglie. Per questo invito l’amministrazione comunale a promuovere e realizzare le comunità energetiche, sostenute nell’ambito del Pnrr”.

“L’Aquila è tra le città che, secondo le previsioni, sarà tra i luoghi in cui sarà possibile trovare rifugio dall’emergenza climatica che andrà a colpire prevalentemente i grandi centri urbani. Dobbiamo agire subito per mettere in campo politiche in grado di rendere attrattivo il nostro territorio e di aprire a nuove prospettive”, ha concluso.

Biondi e Taranta replicano: “Il Comune ha già aderito al progetto Ue per neutralità climatica”   

“Tranquillizziamo il consigliere Palumbo e l’intera comunità: l’impegno dell’amministrazione per la tutela dell’ambiente è costante e va avanti da tempo. Già dal mese di dicembre il nostro Comune è iscritto alla piattaforma promossa dalla Commissione Ue per aderire alla rete delle cento città europee che si impegnano a raggiungere la neutralità climatica entro il 2030. Avrebbe potuto chiedere se ci fossimo interessati del progetto, e avrebbe ricevuto una risposta affermativa, prima di lanciare proposte su qualcosa che è già in atto”. 

A dichiararlo sono il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e l’assessore all’Ambiente, Fabrizio Taranta.  

“Una omissione che fa il paio con un’altra distrazione. Solo qualche giorno fa è stata data notizia del finanziamento con 639mila euro, da parte  del Ministero della Transizione Ecologica, della proposta redatta dal settore Ambiente nell’ambito del programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano, che consentirà, tra le altre cose, di mettere a punto un piano da per la mitigazione e l’adattamento del nostro territorio alle mutazioni climatiche necessario a delineare le strategie utili a raggiungere la cosiddetta neutralità climatica  - ricordano sindaco e assessore - Si tratta di un’ulteriore testimonianza del lavoro svolto per la salvaguardia di un bene prezioso e inestimabile come il nostro ecosistema, che già in passato ha ottenuto riconoscimenti importanti. Nel 2018 L’Aquila è stata selezionata tra altre 56 realtà italiane nell’ambito dell’iniziativa per promuovere il gemellaggio del patto dei Sindaci per il clima e l’energia per uno scambio di trasferimento reciproco di buone pratiche con la municipalità portoghese di Figueira da Foz. Un bagaglio di conoscenze che nel 2019 sono state illustrate a Madrid, nel corso della Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP25)”. 

“Oltre a invitarlo a essere più attento e informato ricordiamo al consigliere Palumbo che tutte le idee sono ben accette, purché queste anticipino nel tempo gli avvenimenti e non quando questi sono definiti e con un processo amministrativo ben definito” concludono Biondi e Taranta.

La controreplica di Palumbo

“Ci tengo a far sapere al Sindaco Biondi e all’assessore Taranta che oltre ad essere tranquillo per carattere cerco anche di seguire con attenzione gli atti prodotti dall’amministrazione. Ho di entrambi i contatti telefonici e quando ne ho avuto necessità non mi sono mai fatto problemi a chiamarli ma, esistendo un albo pretorio comunale, ho preferito utilizzarlo per fare una ricerca senza riuscire però a rintracciare nessuna delibera o determina che indicasse la decisione di partecipare alla missione europea “100 climate-neutral cities by 2030”. Posso aver cercato male io oppure è l’ente comunale a non aver caricato l’atto, ma questo è del tutto irrilevante rispetto alla notizia che il Comune dell’Aquila parteciperà a questa call, circostanza che mi rende molto felice”.

E' la controreplica di Stefano Palumbo.

“Faccio notare inoltre al Sindaco e all’assessore che sono tante le proposte fatte da me nel corso della consiliatura, sempre anticipando e mai rincorrendo problematiche, esigenze ed opportunità. L’ho fatto proponendo l’acquisito di sanificatori per le scuole (novembre 2020), l’istituzione della sede regionale del Soccorso Alpino presso l’aeroporto di Preturo (giugno 2021), il completamento del modulo Alzheimer presso l’Ex-Onpi (maggio 2018), come ho fatto anche relativamente a questa tematica presentando una mozione sulle misure di contrasto all’emergenza climatica che il consiglio comunale ha votato all’unanimità nel settembre del 2019, mozione di cui la candidatura del Comune dell’Aquila alla suddetta missione europea è la naturale e giusta conseguenza. Sono dunque contento di questa risposta ma avrei piacere ad averne anche rispetto alle altre proposte formulate e in particolare in relazione all’istituzione di un ufficio comunale dedicato alla transizione ecologica, alla produzione all’Aquila dell’idrogeno e dei servizi legati alla sperimentazione del treno verde sulla tratta Sulmona-L’Aquila-Rieti-Terni, e infine alla costituzione di una comunità energetica comunale. Se l’amministrazione le accogliesse non sarò certo lì a sottolineare il ritardo con cui è arrivata ma ad applaudire per aver fatto qualcosa di utile per la città”.

Ultima modifica il Venerdì, 21 Gennaio 2022 17:57

Articoli correlati (da tag)