Stampa questa pagina
Martedì, 26 Aprile 2022 16:48

Pezzopane: "Grave il silenzio di Biondi sulla sanità, si nasconde"

di 

“La competenza, l’abnegazione, le ferie non utilizzate, gli sfiancanti orari di lavoro a cui sono sottoposti medici e personale sanitario non possono certo sopperire alla totale assenza di programmazione e alla mancanza di investimenti nella nostra Asl 1. Le energie positive dei nostri operatori - spesso vere e proprie eccellenze - sono per noi la base di un progetto di futuro, per una sanità aquilana d’eccellenza, riferimento regionale e nazionale".

A dirlo è la deputata del Pd Stefania Pezzopane, candidata sindaca del centrosinistra, che spiega come il progetto politico della coalizione che la sostiene si basi, innanzitutto, su un riequilibrio della spesa e degli investimenti verso la Asl 1, "penalizzata in questi anni di governo regionale a guida Marco Marsilio; mai si era toccato il fondo come ora, con mancanza di presidi sanitari, mancanza di personale - ci sono voluti 6 anni per nominare un primario - reparti di eccellenza come pneumologia lasciati a se stessi, file insopportabili per una prenotazione e mesi, a volte anni, per una prestazione. Non solo il sindaco Pierluigi Biondi non sta esercitando, come dovrebbe, il suo ruolo di presidente del comitato ristretto ma non ha nessun progetto per la sanità del capoluogo e del comprensorio. Anzi, è totalmente soggiacente alle logiche regionali. E d’altra parte ha le mani legate e non può assolutamente né sollecitare né criticare il suo presidente Marsilio".

Nella presentazione della sua candidatura, circondato dal presidente della Regione, dagli assessori e dai responsabili della sanità passata e presente, l'affondo di Pezzopane, "Biondi non ha dedicato un minimo di attenzione al tema. Eppure, dalle carte emerge una gravissima ed inaccettabile discriminazione e penalizzazione della sanità nella Asl 1 ed all’Aquila. Sia l’ospedale che la medicina del territorio sono gravemente vessate da una politica ragionieristica che sacrifica la Asl e L’Aquila a logiche campaniliste. Di 80 milioni investiti in sanità, alla Asl 1 ne è stato assegnato uno solo. Uno solo! Già questo dovrebbe portare il sindaco a chiedere conto al presidente Marsilio di questo scempio. Invece, vediamo Marsilio quale testimonial della campagna elettorale di Biondi. Almeno così è tutto più chiaro".

C’è da aspettarsi di tutto da questo binomio Biondi-Marsilio. "Si penalizza la Asl dell’Aquila che ha una mobilità in attivo e si premiano altre Asl non virtuose. D’altronde, nel post terremoto la precedente giunta regionale di destra stornò i fondi - oltre 40 milioni - dell’assicurazione per la ricostruzione del nostro ospedale sul ripiano dei bilancio regionale. Per me, la salute è una priorità, L’Aquila può essere, anche per la sua collocazione al centro di un sistema di parchi e di natura, una città della salute. Per questo, bisogna spostare il baricentro delle attenzioni della Regione Abruzzo su L’Aquila. E questo deve far parte di un progetto più complessivo di rilancio strategico del ruolo della città".

Ultima modifica il Martedì, 26 Aprile 2022 17:02

Articoli correlati (da tag)