Stampa questa pagina
Domenica, 22 Aprile 2018 18:25

L'Aquila si spegne sul più bello, il Pineto passa 3-1 al "Gran Sasso-Acconcia"

di  Angelo Liberatore

Cade dopo più di sei mesi l'imbattibilità interna dell'Aquila Calcio, battuta 3-1 in rimonta da un Pineto solido e venuto fuori benissimo alla distanza dopo le iniziali difficoltà.

La cronaca.

L'Aquila approccia bene il match. Dapprima ci prova Boldrini dal limite con il pallone che termina sul fondo, poi è Padovani che va al tiro piazzato, Giachetta con si fa sorprendere. Al sesto i rossoblu passano in vantaggio: traversone con il contagiri di Pupeschi da banda mancina e torsione implacabile di Ibe che piazza il pallone dove Giachetta non può arrivare. Sesto centro in campionato per il centravanti scuola Cremonese.

Trovato il gol, però, L'Aquila arretra il baricentro e si così espone alla controffensiva pinetese concretizzata al quarto d'ora. Assolo di Ciarcelluti che prende palla poco fuori l'area di rigore, entra di gran carriera nei sedici metri saltando un paio di avversari e poi trafigge Farroni con un pregevole colpo di esterno piede. Al ventunesimo L'Aquila troverebbe il nuovo vantaggio con la zampata di Padovani su invito di Esposito, ma la bandierina alta del secondo assistente a segnalare il fuorigioco del 17 rossoblu vanifica la marcatura.

Brividi per i tifosi rossoblu al trentaquattresimo, quando Mariani prova il tiro cross dal vertice alto dell'area con il pallone che incoccia la parte superiore della traversa. Ancora Pineto propositivo due minuti dopo: Ciarcelluti alimenta la transizione offensiva poi serve Mariani il cui tiro, però, non impensierisce Farroni. L'Aquila rompe la pressione con un tracciante di Di Paolo dai 30 metri, Giachetta in tuffo controlla il pallone spegnersi di poco sul fondo. Proteste rossoblu sull'ultima azione della frazione per un presunto tocco di mano in area pinetese sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Crezzini di Siena fa però proseguire il gioco.

Ripresa. Primo squillo al dodicesimo, di marca rossoblu: Boldrini in profondità per Padovani che prova la conclusione di prima intenzione ma non inquadra lo specchio. Il Pineto risponde un minuto più tardi con Pezzotti che, da posizione defilata, scheggia il montante. Al quarto d'ora decisivo Cafiero che, sulla linea di porta, si oppone al tentativo a botta sicura di Mariani. Il Pineto continua a spingere ed al ventiduesimo completa la rimonta: botta di Marianeschi respinta in scivolata da un difensore rossoblu, sul pallone vagante si avventa Tomassini che di giustezza piazza alle spalle di Farroni. Tomassini che alla mezz'ora va vicino alla personale doppietta, nel frangente bravo Farroni ad opporsi al tentativo del numero 14 pinetese.

La reazione rossoblu sta tutta in una rovesciata fuori bersaglio di Ibe. Il Pineto è invece cinico e concreto: al trentaseiesimo sfiora il tris con Tomassini che non aggancia il suggerimento di Di Rocco e poi segna il gol che chiude la contesa. Farias sfonda sulla destra e centra verso Pezzotti che, appostato sul secondo palo, non può sbagliare. L'Aquila prova a riaprirla e nel recupero dapprima un difensore del Pineto è bravo a disinnescare sulla linea la stoccata di Padovani, poi (sugli sviluppi di un calcio d'angolo) è la traversa a negare il 2-3 a Pupeschi.

Finisce così. Per L'Aquila una brusca frenata nella corsa verso i playoff, diventa quindi fondamentale fare risultato domenica prossima al "Carotti" di Jesi.

Articoli correlati (da tag)