Domenica, 08 Settembre 2019 19:15

L'Aquila 1927, 'prima' da incubo: sconfitta per 3-0 dal Mutignano

di 
L'Aquila 1927, 'prima' da incubo: sconfitta per 3-0 dal Mutignano Foto d'archivio

Comincia con un pesante rovescio esterno il campionato dell'Aquila 1927, battuta 3-0 dal Mutignano sul campo di Scerne di Pineto.

Cappellacci manda in campo un 4-3-3 con Barbato in porta, linea difensiva composta da Campagna e Marchetti terzini con Di Francia e Zanon centrali, mediana con Morra, Rampini e Di Norcia, davanti il tridente Di Benedetto-Maisto-La Selva.

Inizio gara favorevole al Mutignano che dapprima si fa vedere con un tiro di Rastelli finito alto (8') poi ci prova con la girata griffata Carpegna che si perde di poco a lato alla destra di Barbato (15'). L'Aquila risponde al ventiduesimo: sprint di Campagna sulla destra, traversone basso verso il centro dell'area dove Maisto non aggancia per questione di centimetri.

Al trentaduesimo passa in vantaggio il Mutignano: punizione di Petre dai 20 metri, il pallone passa sotto la barriera, tra le braccia di Barbato che sbaglia la presa e infine si insacca in rete.

La ripresa si apre con l'assolo di La Selva, concluso con una staffilata che sibila a fil di traversa. Sul ribaltamento di fronte Mutignano vicino al raddoppio: Carpegna, pescato libero a centro area, prova il tocco sotto ma non inquadra lo specchio. Il raddoppio dei padroni di casa arriva al nono: fa tutto Petre che dal vertice alto dell'area rientra sul destro ed esplode un tiro a giro che si insacca sul palo lontano.

Centoventi secondi dopo la gara si fa ancora più in salita per i rossoblù: Campagna (già ammonito) si vede sventolare il secondo giallo finendo in anticipo sotto la doccia. L'Aquila prova a scuotersi. ma non va oltre un tiro di Marchetti dal limite bloccato facile da Donateo.

Cappellacci ridisegna l'assetto mandando in campo De Marco, Pizzola, Cianfrini ed Alfonsi al posto di Di Francia, La Selva, Rampini e Maisto. È il Mutignano che però, al trentacinquesimo, affonda ancora il colpo: serpentina in area del neo entrato Marcellini che viene messo giù da un difensore rossoblù. Il direttore di gara non ha dubbi e concede il rigore: dal dischetto si presenta Petre che con freddezza spiazza Barbato e fa 3-0 Mutignano. Nel recupero padroni di casa vicini al poker. Petre vede Barbato fuori dai pali e prova a sorprenderlo con un pallonetto dalla lunga distanza: palla che sfila a fil di traversa.

È l'ultima emozione del match. Per i rossoblù l'imperativo è resettare ed iniziare da subito a pensare al prossimo avversario: il Piano della Lente che arriverà domenica prossima al "Gran Sasso-Acconcia".

Articoli correlati (da tag)

Chiudi