Stampa questa pagina
Lunedì, 11 Ottobre 2021 10:29

Special Olympics scende in pista a L’Aquila con i Play the Games di Atletica

di 

Ancora un successo a L’Aquila per Special Olympics.

Il maltempo e le basse temperature non hanno frenato la voglia di vincere e di dimostrare il proprio talento dei 60 atleti provenienti da tutto l’Abruzzo per i Play the Games Special Olympics.

Nel fine settimana, oltre 210 persone tra atleti, volontari, familiari, dirigenti e tecnici hanno riempito di emozioni lo Stadio di atletica “Isaia Di Cesare”. La manifestazione ha ricevuto il patrocinio dalla Regione Abruzzo e dal Comune di L’Aquila.

Per il momento storico che stiamo vivendo, i Play the Games rappresentano un evento ancora più importante rispetto al passato per gli Atleti e per le loro famiglie in primis, ma anche per i volontari e i coach coinvolti.

E’ un graduale e cauto ritorno agli eventi sportivi organizzati in presenza ed in sicurezza.

I Play the Games, fin dalla prima edizione, rappresentano un reale e prezioso strumento per sensibilizzare il territorio, al fine di promuovere, attraverso lo sport, una cultura dell’inclusione che educhi alla comprensione ed alla valorizzazione della diversità in ogni sua più ampia espressione. “Malgrado le condizioni meteo non siano state semplici da gestire, abbiamo regalato una giornata meravigliosa a tanti Atleti provenienti da tutta la regione – afferma Guido Grecchi Direttore Regionale S.O. - Lo staff regionale si è dimostrato capace di organizzare una manifestazione impegnativa come questa. Dobbiamo dire grazie ai volontari che si sono uniti a noi nell’organizzazione di un appuntamento che ha promosso lo sport come strumento inclusivo. In particolare mi sento di ringraziare l’assessore allo Sport del Comune di L’Aquila Vito Colonna, il Presidente del Panathlon Club L’Aquila Francesco Tironi e il Presidente dello CSA in Abruzzo Noemi Tazzi che hanno testimoniato la loro vicinanza anche con la loro presenza.”

La cerimonia di apertura con protocollo olimpico ha fatto vivere intense emozioni a tutti rievocando i recenti Giochi Olimpici e Paralimpici. La sfilata degli atleti dei cinque Team regionali, l’ingresso delle bandiere d’Italia, d’Europa e di Special Olympics sulle note degli Inni, l’arrivo della fiaccola per l’accensione del tripode da parte dall’Atleta aquilano Christian Dervishi, selezionato per i prossimi Giochi Mondiali Invernali Special Olympics, il giuramento degli Atleti proclamato dal rappresentante degli Atleti abruzzesi Demetra Emanuele: un crescendo di emozioni che è esploso in un caloroso applauso mentre il Direttore Guido Grecchi dichiarava aperti i Play The Games 2021 di Atletica.

Tantissimi i volontari, dal numeroso gruppo del “Ju parchetto con noi” ai volontari della Associazione di Protezione Civile PIVEC di Tornimparte, al gruppo alpini "Salvatore Tosone" di Coppito, ai soci del Panathlon Club L’Aquila e del Kiwanis L’Aquila, dell’Associazione Basket Centro Abruzzo, ed anche diversi studenti dell’Istituto Moretti di Roseto degli Abruzzi e dell’Istituto Peano Rosa di Nereto che per la prima volta hanno supportato direttamente l’organizzazione di un evento Special Olympics.

Cinque i Team partecipanti: ASD Scavalcando di Pianella con 7 atleti, ASD Basket Centro Abruzzo di Sulmona con 9 atleti, APS Oltre di Roseto degli Abruzzi con 11 atleti, Team Istituto Moretti di Roseto degli Abruzzi con 7 atleti, ASD Team Sport L’Aquila con 22 atleti. Gli atleti si sono cimentati in gare di corsa (10m assistiti, 50 m camminata, 50m e 100m), di lancio del vortex e di salto in lungo. Le gare si sono svolte nel rispetto dei regolamenti di Special Olympics International e alla supervisione attenta e professionale del gruppo giudici gare della Fidal Abruzzo, del gruppo cronometristi KronoAQ e dal Team Games Managemant System.

Tanti gli enti e i privati che hanno sostenuto i Play the Games di L’Aquila 2021 a cui va la gratitudine del comitato organizzatore. "Un grazie speciale a tutti i familiari del Team Sport L’Aquila che con impegno e passione hanno reso possibile questo evento dimostrando che lo sport è per tutti e che ogni persona ha valore, a prescindere dalle proprie caratteristiche".

Articoli correlati (da tag)