Stampa questa pagina
Martedì, 21 Maggio 2013 01:21

Play off: L'Aquila-Chieti, un derby storico per tornare a volare più in alto!

di 

L'ideale sarebbe stato quello di arrivare in Prima divisione senza il tormento dei play off. Le premesse sembrava ci fossero. Almeno stando a quanto si era detto in fase di presentazione della squadra la scorsa estate quando intervenimmo per ricordare che L'Aquila calcio, nella sua storia, aveva battuto nel 1934 in uno storico spareggio L'Andrea Doria, oggi Sampdoria, per 3-1 e volò in Serie B. Prima squadra abruzzese a raggiungere tale risultato di prestigio grazie all'allora presidente Serena che acquistò un certo friulano, Annibale Frossi, che fece vincere all'Italia con i suoi gol le Olimpiadi del 1936. Il nostro intervento mirava a caricare di entusiasmo la squadra e l'ambiente della tifoseria rossoblù che negli ultimi cinque anni ha dovuto sopportare parecchie amarezze.

E l'inizio fu beneaugurante, visto che si vinse sul campo della Salernitana che poi è risultata promossa con 70 punti insieme al Pontedera. distanziato di otto lunghezze.
Si pensava di arrivare secondi, ma dopo Campobasso, L'Aquila iniziò a precipitare in picchiata. Le ultime vicende sono note: L'Aquila si è aggiudicata il diritto di disputare i play off e, nella prima delle due gare, la sorte ha riservato il Chieti, che insieme al Teramo ha completato "la triade" delle abruzzesi che ha guadagnato tale prezioso diritto insieme all' Aprilia.
Che derby sarà? Al di là del gemellaggio tra le due contendenti, la formazione di Pagliari (che ha ereditato il gruppo da Maurizio Ianni, subentrato a sua volta a Graziani) punta ad un successo pieno tale da garantirsi un retour-match più tranquillo e meno ansioso per affrontare poi la vincente tra Aprilia e Teramo.
Si riparte daccapo,insomma. Si resetta tutto, come ha voluto specificare lo stesso Presidente Corrado Chiodi a più riprese, insieme allo stesso tecnico e agli atleti aquilani da Testa a Infantino che ora non hanno più scusanti. Nei due precedenti confronti una vittoria ciascuno: 1-0 per l'Aquila all'Angelini; 2-1 per il Chieti al Fattori con quattro espulsi!
Il tasso tecnico della squadra aquilana, gli elementi da cui è costituita, sono una garanzia per disputare questa fase dei play off nella maniera migliore e più redditizia.
Chi sarà il vero protagonista di questi incontri? Senza andare troppo indietro nel tempo, ma ricordando gli esempi di Avellino, Roma, e Cassino dove registrammo oltre 5mila presenze di tifosi, oggi la tifoseria rossoblù dovrà dimostrare con una nutrita presenza di essere compatta e vicina ai colori della Città, perché come è risaputo , il calcio è il vero palcoscenico della vita.
Sicchè si attende dai vari Rapisarda,Ciotola,Iannini, Menicozzo, D'Amico,Colussi,Improta,Gizzi,Marcotullio, tanto per fare qualche nome, una prova di orgoglio e di carattere.
Una prova che deve portare L'Aquila, sia pure in ritardo, in Prima divisione per poi puntare con la riforma dei Campionati ad approdare di nuovo in Serie B dove l'ultima apparizione risale al 1936(quasi 80 anni fa) e lì terminò per via del disgraziato scontro della littorina con il vagone merci alla stazione di Contigliano, la Superga del calcio aquilano. Da quest'anno, al prossimo 2016(ricorrenza importantissima) si hanno tre anni a disposizione per centrare il fatidico bersaglio.
Ma si farà centro solo se il calore e il colore dei meravigliosi gruppi rossoblù sapranno dimostrare che il successo nasce dagli spalti. Se volete dalla Curva! Quella che nei momenti topici del calcio aquilano non ha mai fatto mancare il suo afflato e il suo sostegno morale e canoro per esaltare i colori di un'Aquila che vuole tornare a volare molto in alto nonostante la tragedia del terremoto le abbia spezzato le ali!

Dante Capaldi*

 

*Dante Capaldi è giornalista e storico dell'Aquila calcio. Ha scritto di sport e cultura soprattutto dell'Aquila e dell'Abruzzo con servizi speciali, resoconti ed inchieste di carattere sociale. Corrispondente storico dell'Aquila calcio per il Corriere dello sport-stadio, ha in generale redatto oltre 10mila articoli di carattere sportivo oltre ad innumerevoli radiocronache e telecronache, occupandosi di calcio, rugby, atletica leggera e tennis. Nel 2012 ha pubblicato il libro "La storia dell'Aquila Calcio 1931-2012 da Adeclhi Serena a Corrado Chiodi" presentato lo scorso novembre alla presenza proprio dell'attuale presidente rossoblù Corrado Chiodi

Ultima modifica il Martedì, 21 Maggio 2013 09:55

Articoli correlati (da tag)