Stampa questa pagina
Giovedì, 29 Marzo 2018 10:42

DigitalAq, ecco la strategia per la trasformazione digitale della città

di 

Abilitare la città a definire una strategia per la trasformazione digitale, con una particolare attenzione al settore produttivo. 

E' l'ambizioso obiettivo del progetto DigitalAq, proposto dal Comune dell'Aquila nell'ambito del bando europeo Digital Cities Challenge e selezionato dalla Commissione, unica città italiana tra le 15 prescelte sulle 42 proposte pervenute. "La Commissione europea – ha spiegato l'assessore alle Politiche europee Carla Mannetti – ha lanciato un invito ad amministratori comunali e stakeholder (portatori di interesse) per selezionare 15 città da 'riconvertire' in chiave innovativa. Lo slogan del bando, infatti, è stato 'Rendi la tua città più vivibile e più produttiva'. Il Digital Cities Challenge Team, vale a dire la commissione che ha esaminato i progetti, ha valutato le 42 proposte pervenute e ci ha comunicato l'esito positivo della candidatura. L'Aquila, con il progetto DIGITAL'AQ, risulta essere l'unica città italiana, tra le otto che hanno partecipato all'iniziativa, a essere stata ammessa. Questo per noi è un motivo di profonda soddisfazione".

Il risultato è stato frutto della collaborazione tra il Comune dell'Aquila, rappresentato dallo stesso assessore Mannetti, e l'Università dell'Aquila, che ha incaricato, per questa iniziativa, la professoressa Anna Tozzi, pro-rettore per le Relazioni Internazionali e progettazione. "Gli elementi salienti della candidatura – ha aggiunto Mannetti – hanno permesso di evidenziare quanto di buono è già presente nella città, ma anche come la visione strategica che l'Amministrazione sta perfezionando rappresenti una prospettiva di progresso e qualità per il territorio. L'intento di Bruxelles è quello di continuare a dare spazio alla sviluppo dell'economia digitale, settore che oggi sta crescendo a un ritmo 7 volte più veloce rispetto all'economia reale: sotto la spinta dell'Internet a banda larga, si sta aprendo la strada a servizi innovativi quali la sanità online (eHealth), le città intelligenti e la produzione basata sui dati. In questo contesto si inserisce la Digital Cities Challenge, con la selezione delle città che hanno manifestato la volontà di cambiare e sbloccare potenzialità inedite, assegnando loro gratuitamente consulenze, coaching e assistenza da parte di esperti di alto livello".

Il Comune dell'Aquila, dunque, potrà contare su un supporto personalizzato, con esperienza locale e internazionale, che permetterà di andare verso la trasformazione digitale. Ciò aiuterà le città a stimolare gli investimenti attraverso azioni comunitarie transregionali in questo ambito. Tra gli obiettivi del progetto c'è quello di mobilitare le conoscenze, i network e gli strumenti per la creazione di un sistema d'innovazione che porti la trasformazione digitale dentro alla realtà locale.

Stamane, in conferenza stampa, il work group del progetto - l'assessore Mannetti, il presidente della GSA Fabrizio Ajraldi, partner dell'iniziativa con Arit, Saverio Romeo, lead expert nominato dalla Commissione europea, Mario Di Gregorio, funzionario del settore rigenerazione urbana e mobilità, project manager - hanno definito le diverse fasi del progetto che si protrarrà per un anno e mezzo. "In questo momento, stiamo vivendo la fase di ricerca; la fase si fonda su tre sorgenti di informazioni: il questionario Sat, il KPIs e la visita del lead expert", ha spiegato Romeo che, in questi giorni, è stato a L'Aquila proprio per toccare con mano la realtà cittadina. 

Definire una strategia di trasformazione significa, innanzitutto, approfondire le competenze digitali delle aziende, come sono usate, quali criticità si manifestano e quali azioni andranno messe in campo affinché possano avere un impatto sull’economia della città. "Si tratta di un progetto inusuale, preparatorio all’abilitazione della città a sviluppare iniziative e azioni amministrative basate su conoscenze fattuali", ha aggiunto Romeo. "In questo senso, il questionario Sat che stiamo sottoponendo a istituzioni, organizzazioni accademiche e imprese della città ci restituirà la dimensione della trasformazione digitale su 8 punti sostanziali: il livello di infrastrutturazione digitale, l’uso di tecnologie digitali in ambienti di pubblica amministrazione, sanità e trasporto, i modelli di dati aperti, se ci sono e se vengono utilizzati, i servizi di supporto alle imprese per stimolare imprenditorialità ad accrescere professionalità, le eventuali community di scambio sinergico tra le stesse, le competenze nell’ambito delle tecnologie digitali".

Il KPIs, invece, fornirà informazioni di tipo qualitativo; "altre notizie utili verranno dalla visita in città del lead expert che, in questi giorni, ha organizzato 12 interviste con Università, aziende, organizzazioni di categoria. Il lavoro sarà utile a creare un rapporto che "verrà presentato alla città tra la fine di aprile e l'inizio di maggio, e non sarà un mero momento d'ascolto bensì interattivo e collaborativo con gli attori istituzionali, economici ed accademici per analizzarlo e rinforzarlo"; il rapporto verrà poi presentato a Bruxelles "dove le città vincitrici del progetto si confronteranno sul lavoro fatto. E' importante notare che il progetto ha un forte approccio di condivisione e collaborazione - ha sottolineato Romeo - a livello di città, ma anche tra città - per lo più, centri tra i 40mila e i 100mila abitanti - in quanto è diventato subito evidente che vi sono sfide, condizioni ed obiettivi comuni". 

Per fare soltanto un esempio, L'Aquila condivide con Patrasso la sperimentazione del 5G, come rendere l'infrastruttura tecnologica un abilitatore economico. A Bruxelles, le città selezionate si incontreranno altre quattro volte, "per definire la strategia, una volta definita la situazione da cui si parte, delineare una road map e, infine, monitorare il lavoro".

Un progetto importante che, come ha ribadito Fabrizio Ajraldi, permetterà di capire fino in fondo, così da poterle sfruttare, anche le potenzialità sottese alla realizzazione dei sottoservizi.

Ultima modifica il Giovedì, 29 Marzo 2018 11:24

Articoli correlati (da tag)